Oreste Molinari e l’emozione del pane

I Migliori Vini Italiani Oreste Molinari

Oreste Molinari e l’emozione del pane

Pane e Mani Pasticceria MolinariConoscere Oreste Molinari è conoscere un territorio. Titolare dell’ omonimo Panificio/Pasticceria di Via Gioberti a Frascati, Oreste è lo specchio di una cultura quasi dimenticata. Figlio d’arte, cresciuto nel forno storico di famiglia, lavora ogni notte un lievito madre di 93 anni.  Ascoltarlo raccontare di pane mentre tenta di restituire semplicità e ricchezza dell’arte della lievitazione, è un’esperienza culturale.

Mi piace associare il pane alla musica, perché entrambi hanno a che fare con l’emozione“, confessa timidamente. Oreste è uomo di retrovia a cui non piace l’esposizione: preferisce che a parlare siano i suoi prodotti. E’ un uomo di ricordi e tradizioni: membro del Consiglio di Amministrazione del Consorzio di tutela del Frascati, da anni si impegna perché la denominazione abbia i riconoscimenti qualitativi che merita e perché la città di Frascati recuperi, al di là della tradizione delle fraschette, la cultura del bere.

Fare il pane è arte paziente ed Oreste deve esserne pieno. Quelli che ci propone sono pani “resistenti”, pani di altri tempi, pani di una cultura contadina che non temono il cambio di temperatura, perché sono concepiti come una volta, per essere conservati e resistere a lunghe giornate di lavoro nei campi.

Oreste Molinari si occuperà dell’angolo ristoro durante l’evento I MIGLIORI VINI LAZIO – FRASCATI dal 15 al 17 Novembre alle Scuderie Aldobrandini: ci proporrà una selezione dei suoi pani, farciti con i prodotti del territorio che tanto ama (spinaci locali, prosciutto di Bassiano, salamella romana).

“Essere cresciuti in un forno, significa essere cresciuti in un “laboratorio” di conoscenze, esperienze, valori ed infiniti giochi che permettono alla tua mente di avere predisposizione alle cose semplici ed importanti della vita. Provate, magari una sola volta a passare una notte in un forno: quegli odori non li dimenticherete più…” (Oreste Molinari)

 

Share
 

Comments are closed.